L'Osservatorio toscano - Terchio

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'Osservatorio toscano

Osservatorio del paesaggio Toscano

L'osservatorio del paesaggio toscano

L'Osservatorio del paesaggio toscano, in sintonia con la Convenzione Europea Del Paesaggio (CEP), con il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio e con la L.R. 1/2005, favorisce la diffusione e lo scambio di conoscenze tra saperi esperti e saperi locali per promuovere un uso consapevole del territorio e il coinvolgimento della popolazione nella gestione e salvaguardia del paesaggio. Firmando la Convenzione gli stati membri si sono impegnati a:

  • stabilire e attuare politiche paesaggistiche volte alla protezione , alla gestione e alla pianificazione dei paesaggi

  • avviare procedure di partecipazione del pubblico, delle autorità locali e regionali e degli altri soggetti coinvolti nella definizione e nella realizzazione delle politiche paesaggistiche

  • integrare il paesaggio nelle politiche di pianificazione del territorio urbanistiche e in quelle a carattere culturale, ambientale e agricolo sociale ed economico nonché delle altre che possono avere un incidenza diretta ed indiretta sul paesaggio" (art. 5)


L'Osservatorio si configura come centro di confronto finalizzato ad adottare misure di protezione, gestione e pianificazione del paesaggio e ad individuare le azioni atte a raggiungere la partecipazione della società locale e degli enti coinvolti nella gestione (sovrintendenze , enti locali e società civile). Le politiche e le azioni di regolazione delle trasformazioni del paesaggio vengono definite includendo l'opinione (i giudizi, i sistemi di valore) delle persone che lo abitano. In questo senso, per implementare il quadro conoscitivo del Piano Paesaggistico Regionale (PPR) e orientare le azioni dello stesso, sono state individuate diverse modalità per coinvolgere e far esprimere la società civile sulla qualità dell’ambiente di vita, si tratta di:
 

  • segnalazioni: volte a mettere in evidenza il valore o il degrado del paesaggio in cui si vive: le buone pratiche, le emergenze paesistiche e gli elementi che impoveriscono il valore del paesaggio a evidenziare le diverse componenti della società civile che lavora sui temi della valorizzazione dei patrimoni territoriali

  • discussioni: per permettere ai cittadini singoli o associati, di aprire dibattiti, intervenire confrontarsi sui principali temi di interesse legati al paesaggio e alla progettazione

  • partecipazione a eventi: previsti nell'ambito della redazione del Piano Paesaggistico. Attività di carattere informativo, partecipativo e culturale che avranno luogo in diverse porzioni di territorio e che si ripeteranno nel corso dl tempo consentendo così un approfondimento "a puntate" degli sviluppi e dei contenuti fondamentali del Piano Paesaggistico.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu